Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 393 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Nuovi possibili trattamenti per il morbo di Alzheimer.

Posted by giorgiobertin su gennaio 12, 2016

Uno studio dell’Università di Southampton pubblicato sulla rivista “Brain“, ha scoperto che bloccando un recettore nel cervello responsabile della regolamentazione e produzione di nuove cellule immunitarie è possibile ridurre i problemi di memoria e i cambiamenti di comportamento nelle persone affette dalla malattia di Alzheimer.

Nello studio è stato utilizzato un farmaco per bloccare la produzione di queste cellule, dette microgliali, nel cervello dei topi con un effetto positivo. I ricercatori affermano di “risultati emozionanti” che nel tempo “potrebbero portare a nuove cure” per combattere questa malattia.

microglial cells
Microglial cells (green) accumulated and proliferating (red) around an Amyloid Beta plaque (blue). Credit Image University of Southampton.

Il nuovo studio suggerisce che “il bersaglio deve essere l’infiammazione cerebrale causata da un accumulo di cellule immunitarie della microglia“, spiega Diego Gomez-Nicola, autore principale dello studio. Fino ad ora, la maggior parte dei medicinali utilizzati per la demenza prendeva di mira le placche amiloidi nel cervello, che sono una caratteristica delle persone con Alzheimer. Dai risultati di questa ricerca si dimostra  che è un’infiammazione nel cervello a guidare lo sviluppo della malattia.
E ‘sempre più chiaro che l’infiammazione è un elemento chiave in certe malattie neurodegenerative“.
Nei topi è stato usato un medicinale che blocca un recettore – chiamato Csf1r – responsabile dell’aumento delle cellule microgliali nel cervello.

Il passo successivo sarà di lavorare a stretto contatto con i nostri partner nel settore per trovare un farmaco sicuro e adatto che possa essere testato negli esseri umani” – conclude il prof. Diego Gomez-Nicola.

Leggi abstract dell’articolo:
Pharmacological targeting of CSF1R inhibits microglial proliferation and prevents the progression of Alzheimer’s-like pathology
Adrian Olmos-Alonso, Sjoerd T. T. Schetters, Sarmi Sri, Katharine Askew, RenzoMancuso, Mariana Vargas-Caballero, Christian Holscher, V. Hugh Perry, DiegoGomez-Nicola

Fonte: Università di Southampton – BBC news

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: