Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Scoperto come cresce il tumore al cervello.

Posted by giorgiobertin su gennaio 7, 2016

I ricercatori della Columbia University di New York guidati da Antonio Iavarone ed Anna Lasorella, hanno scoperto il meccanismo che favorisce il mantenimento delle cellule staminali neoplastiche del glioblastoma, il più aggressivo e letale dei tumori cerebrali. Responsabile è una proteina, chiamata ID2, in grado di attivare una cascata di eventi che promuovono sia lo sviluppo che la progressione del glioblastoma.

Iavarone Antonio Iavarone e Anna Lasorella 

Gli scienziati ritengono che “disattivando” questa proteina in futuro si riuscirà a bloccare la crescita del tumore. “Stiamo cercando di disattivare farmacologicamente la proteina, per bloccare la crescita della malattia“, spiega Iavarone. La proteina ID2 agisce favorendo la riproduzione di una popolazione di cellule cancerogene, le cellule staminali tumorali, che dà inizio al cancro e ne sostiene la crescita.

In condizioni normali, ID2 viene disattivata quando le cellule smettono di dividersi e si differenziano. Nel glioblastoma, invece, è abnormemente attivata. “Il nostro studio – spiega Anna Lasorella, professore di Pediatria e Patologia alla Columbia University – ha stabilito che ID2 rimane attiva a causa della ridotta concentrazione di ossigeno nel tumore in espansione”.
E’ evidente, che la disattivazione di ID2 priverebbe il tumore di un circuito indispensabile al suo mantenimento. Capire la sequenza di eventi di cui il glioblastoma, e probabilmente anche altri tumori umani, si sono dotati affinché il cancro continui a vivere è un passo importante verso l’ideazione di nuove strategie di cura. Tuttavia, non è ancora una cura, e ulteriori studi sono necessari prima che la nuova scoperta possa tradursi in una terapia“. conclude la ricercatrice.

La pubblicazione è stata fatta sulla rivista “Nature“.

Leggi abstract dell’articolo:
An ID2-dependent mechanism for VHL inactivation in cancer
Sang Bae Lee,Veronique Frattini,Mukesh Bansal, Angelica M. Castano,Dan Sherman, Keino Hutchinson,Jeffrey N. Bruce,Andrea Califano,Guangchao Liu, Timothy Cardozo, Antonio Iavarone & Anna Lasorella
Nature (2016) Published online 06 January 2016 doi:10.1038/nature16475

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: