Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Patate e toast troppo cotti aumentano il rischio cancro.

Posted by giorgiobertin su novembre 18, 2015

Uno studio della Food Standards Agency (Fsa), l’agenzia governativa inglese per la sicurezza alimentare, nelle patate e nei toast bruciacchiati aumentano i livelli di acrilammide, una tossina cancerogena. Questo composto si forma a partire da una reazione tra amminoacidi, zuccheri e acqua contenuti nei due alimenti quando sono sottoposti a temperature più alte di 120°C. Il consiglio è quello di non cucinarli troppo.

Toast Acrylamide-in-foods

La valutazione del rischio indica che ai livelli a cui siamo esposti con il cibo, l’acrilammide potrebbe aumentare il rischio di cancro. Non consigliamo alle persone di smettere di mangiare determinati alimenti, ma quando si cucinano per esempio le patate in casa, di cuocerle fino alla colorazione dorata” – afferma Guy Poppy, capo consulente scientifico della Fsa.
Gli scienziati hanno inoltre consigliato di non conservare le patate in frigo per non aumentare la quantità di zucchero contenute.

Lo studio non ha specificato quale sia una quantità di acrilammide non cancerogena e la Commissione europea sta valutando l’introduzione di una soglia massima consentita.

Scarica e leggi il report e i documenti in full text:
Chief Scientific Advisor’s Science Report: Issue Two (Seeking and acting on independent expert advice on food chemicals)(2.75 MB)

Acrylamide in the home: Home-cooking practices and acrylamide formation (2.95 MB)

Report appendices: Acrylamide in the home (1.45 MB)

Fonte: Food Standards Agency (Fsa)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: