Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Scoperta classe di enzimi che riparano i danni del DNA.

Posted by giorgiobertin su ottobre 30, 2015

I ricercatori della Vanderbilt University coordinati dal prof. Brandt Eichman, hanno scoperto una nuova classe di enzimi che riparano i danni del DNA (video).

Eichman e i suoi collaboratori hanno scoperto che una glicosilasi chiamata AlkD che si trova in Bacillus cereus – un batterio responsabile di un tipo di intossicazione alimentare chiamata “sindrome riso fritto” (diffuso nell’ambiente, si ritrova comunemente nell’aria, nella polvere e nel suolo) – riesce a riconoscere il DNA danneggiato e a ripararlo.


The animation illustrates the difference between the new type of DNA repair mechanism used by the AlkD enzyme and that used by all the other base-excision enzymes. (Brandt Eichman / Vanderbilt)

I batteri utilizzano questi enzimi a loro vantaggio per proteggersi contro gli agenti antibatterici che producono. Gli esseri umani possono avere gli enzimi di riparazione del DNA, che operano in modo simile per rimuovere i danni al DNA. Questo per esempio in clinica può essere legato all’efficacia dei farmaci utilizzati per uccidere le cellule tumorali “.
La nostra scoperta dimostra che abbiamo ancora molto da imparare sulla riparazione del DNA, e che ci possono essere vie di riparazione alternativi ancora da scoprire“. – conclude Eichman

Leggi abstract dell’articolo:
The DNA glycosylase AlkD uses a non-base-flipping mechanism to excise bulky lesions.
Elwood A. Mullins, Rongxin Shi, Zachary D. Parsons, Philip K. Yuen, Sheila S. David, Yasuhiro Igarashi, Brandt F. Eichman.
Nature, 2015; DOI: 10.1038/nature15728

Fonte ed approfondimenti: Vanderbilt University

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: