Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Parkinson: progressi nella comprensione della malattia.

Posted by giorgiobertin su settembre 23, 2015

Gli scienziati del Montreal Neurological Institute and Hospital – presso la McGill University Health Centre, hanno fatto progressi nella comprensione del processo che coinvolge la progressione e diffusione della malattia di Parkinson (PD) all’interno del cervello.

Brain-maps

I ricercatori hanno avuto accesso a un numero senza precedenti di scansioni MRI e dati clinici attraverso il database  open source Progression Markers Initiative di Parkinson (PPMI). Grazie a questa ricchezza di dati, è stato possibile analizzare con la risonanza magnetica la struttura del cervello di 230 persone nelle prime fasi della malattia di Parkinson e confrontarle con quelle di individui sani di pari età. Questo ha permesso di identificare l’insieme di regioni cerebrali che mostrano atrofia nelle fasi iniziali della malattia.

I risultati confermerebbero le ipotesi che le cellule cerebrali dei pazienti con Parkinson si siano deteriorate secondo una modalità prioni-simile di propagazione, in cui un agente tossico si diffonde dal neurone cerebrale utilizzando le normali connessioni del cervello. Meccanismi analoghi sono stati proposti per le malattie che vanno dal morbo di Alzheimer alla encefalopatia spongiforme bovina. Il processo comporterebbe la diffusione di alfa-sinucleina, una proteina tossica con la possibilità di fare copie di se stessa e infettare le cellule vicine durante il viaggio attraverso le autostrade neuronali del cervello.

Il modello di atrofia rilevato con risonanza magnetica è compatibile con un processo di malattia che si diffonde attraverso le reti del cervello – una cosa che non era mai stato dimostrato in pazienti umani prima, e sosterrebbe l’ipotesi che PD è causato da un ‘agente tossico’ che si diffonde tra i neuroni“. Afferma il prof. Alain Dagher coordinatore della ricerca.

Leggi il full text dell’articolo:
Network structure of brain atrophy in de novo Parkinson’s Disease.
Yashar Zeighami, Miguel Ulla, Yasser Iturria-Medina, Mahsa Dadar, Yu Zhang, Kevin Michel-Herve Larcher, Vladimir Fonov, Alan C Evans, Douglas Louis Collins, Alain Dagher.
eLife, 2015; 4 DOI: 10.7554/eLife.08440

Fonte ed approfondimenti: McGill University Health Centre

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: