Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Scoperto ‘interruttore generale’ dell’obesità.

Posted by giorgiobertin su agosto 20, 2015

Gli scienziati del MIT (Massachusetts Institute of Technology • Cambridge) e Harvard Medical School, che hanno analizzato i circuiti a livello cellulare che circondano l’attività del gene FTO – quello più fortemente associato con l’obesità – hanno scoperto una via metabolica che sembra esercitare un controllo globale sulla conservazione del grasso nelle nostre cellule e come questo viene bruciato in calorie. La pubblicazione sulla rivista “New England Journal of Medicine“.

MIT-Obesity Credi image Image: Shutterstock
Researchers find pathway that controls metabolism by prompting fat cells to store or burn fat.

I ricercatori hanno scoperto che la versione ad alto rischio di FTO attiva un importante interruttore di controllo genetico che accende due geni in un’altra parte del genoma: irx3 e IRX5. La termogenesi irx3 e IRX5 controlla il processo cellulare per l’utilizzo di riserve di energia per generare calore nelle cellule adipose.

La termogenesi può essere scatenata da esercizio fisico, dieta, o l’esposizione al freddo, e si verifica sia in adipociti bruni ricchi di mitocondri che sono evolutivamente legati al muscolo, che negli adipociti bianchi che sono invece legati all’immagazzinamento dell’energia.

Manipolare FTO in cellule provenienti da individui predisposti all’obesità permette di spegnere irx3 e IRX5, ripristinare termogenesi a livelli non a rischio e spegnere i geni che favoriscono il deposito di grasso” – afferma Prof. Claussnitzer primo autore. “Potremmo passare da un programma di accumulo di energia a dissipazione di energia sia a livello cellulare che di organismo, fornendo una nuova speranza per una cura contro l’obesità“.

Leggi abstract dell’articolo:
FTO Obesity Variant Circuitry and Adipocyte Browning in Humans
Melina Claussnitzer, Ph.D., Simon N. Dankel, Ph.D., Kyoung-Han Kim, …., Hans Hauner, M.D., and Manolis Kellis, Ph.D.
NEJM August 19, 2015 DOI: 10.1056/NEJMoa1502214

Fonte ed approfondimenti: MIT (Massachusetts Institute of Technology • Cambridge)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: