Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 393 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Scoperta proteina che protegge dall’Alzheimer.

Posted by giorgiobertin su agosto 19, 2015

I ricercatori della Rockfeller University hanno identificato una serie di processi molecolari, che possono smorzare la produzione di amiloide-β. Questi risultati, riportati sulla rivista “Nature Medicine“, suggeriscono un nuovo percorso nella ricerca di terapie contro l’Alzheimer.

Wave1
Within cells displaying features of Alzheimer’s, the researchers found high concentrations of WAVE1 and the amyloid-β precursor protein within the Golgi, an organelle in which proteins are packaged for shipping. These appear in the cell above as bright, yellow clusters.

La nostra scoperta incentrata su una proteina chiamata WAVE1, che abbiamo trovato essere molto importante nella produzione di amiloide-β. La riduzione di WAVE1 sembra avere un effetto protettivo contro la malattia“, afferma l’autore dello studio Paul Greengard.

WAVE1 è noto per contribuire alla costruzione di filamenti di una proteina chiamata actina che fungono da componenti di base delle strutture cellulari. Nel corso di studio, il team, ha esaminato i livelli di WAVE1 in modelli murini e cellulari della malattia di Alzheimer. Nei cervelli topi con bassi livelli WAVE1 si è trovato che veniva prodotto meno amiloide-β, e questi animali avevano migliori risultati nei test di memoria.

Leggi abstract dell’articolo:
APP intracellular domain–WAVE1 pathway reduces amyloid-β production
Ilaria Ceglia, Christiane Reitz, Jodi Gresack, Jung-Hyuck Ahn, Victor Bustos, Marina Bleck, Xiaozhu Zhang, Grant Martin, Sanford M Simon, Angus C Nairn, Paul Greengard, and Yong Kim
Nature Medicine, online August 17, 2015 – doi:10.1038/nm.3924

Fonte ed approfondimenti: Rockefeller University

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: