Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Un gene nei pesci spiega l’obesità.

Posted by giorgiobertin su luglio 15, 2015

Uno studio fatto da un gruppo di ricercatori dell’Harvard Medical School di Boston ha permesso di capire e studiare l’evoluzione e le mutazioni di un gene (MC4R – Melanocortin receptor 4) presente in una particolare famiglia di pesci che potrebbe essere la chiave per combattere l’obesità negli esseri umani.

L’Astyanax mexicanus, questo è il nome del pesce, vive da migliaia di anni nelle acque delle caverne del Messico nordorientale, un ambiente estremo e privo di luce. L’evoluzione ha concesso la sopravvivenza della specie, modificando alcuni meccanismi, in particolare quello metabolico. Questi pesci sono capaci di mangiare senza limiti e poi di digiunare per mesi rallentando il metabolismo.

Lo studio pubblicato sulla rivista Pnas evidenzia le diverse mutazioni del gene MC4R, un’interruttore dell’anoressia (presente anche nel cervello dell’uomo) che viene acceso e spento da due ormoni, l’insulina e la leptina.
Le mutazioni che riducono l’attività di questo gene sembrano capaci di scatenare una fame compulsiva utile per la sopravvivenza dei pesci.
Lo studio cerca di chiarire le basi genetiche e i meccanismi che stanno alla base dell’obesità. Già nel 2008, erano state segnalate mutazioni di MC4R in associazione con l’obesità ereditaria umana.

Leggi abstract dell’articolo:
Melanocortin 4 receptor mutations contribute to the adaptation of cavefish to nutrient-poor conditions
Ariel C. Aspiras, Nicolas Rohner, Brian Martineau, Richard L. Borowsky, and Clifford J. Tabin
PNAS 2015; published ahead of print July 13, 2015, doi:10.1073/pnas.1510802112

Common variants near MC4R are associated with fat mass, weight and risk of obesity. Nature Genetics 40 (6): 768–75.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: