Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 396 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Nuovo farmaco stimola la rigenerazione dei tessuti.

Posted by giorgiobertin su giugno 15, 2015

Un gruppo di ricercatori americani della Case Western Reserve e dell’Ut Southwestern Medical Center ha dimostrato che un un nuovo farmaco, siglato Sw033291, è in grado di riparare i danni al colon, fegato e midollo osseo in modelli animali. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista “Science“.

Il nuovo farmaco è rappresentato da una molecola prodotta naturalmente dall’organismo: la prostaglandina E2 o Pge2, che agisce come una vera e propria “vitamina” per le cellule staminali. Il medicinale guarisce danni in diversi tipi di tessuti, stimolandone la ricrescita in tempi molto più rapidi rispetto al normale.

Sw033291

Secondo i ricercatori americani, la quantità di Pge2 nel corpo viene ridotta dall’azione di un gene, denominato deidrogenasi 15 idrossiprostaglandina (15-Pgdh). La ‘chiave’ per riportare la quantità di prostaglandina a livelli soddisfacenti, quindi, è inibire questo gene. Scansionando una “libreria” di 230mila differenti molecole, gli esperti ne hanno identificata una che si è rivelata in grado di inattivare il 15-Pgdh. In questo senso il composto Sw033291, che agisce in un modo incredibilmente potente, si configura come una componente promettente per lo sviluppo di nuovi farmaci.

Siamo molto contenti“, ha dichiarato Sanford Markowitz, professore al Cancer Genetics del Case Western Reserve University. “Abbiamo sviluppato un farmaco che agisce come una vitamina per le cellule staminali dei tessuti, stimolando la loro capacità di riparare i tessuti in modo molto più rapido“.

La prossima tappa dei ricercatori sarà quella di dimostrare la sicurezza del composto SW033291, un percorso necessario per garantirne l’approvazione da parte della Food and Drug Administration. Si pensa di iniziare la sperimentazione umana entro tre anni.

Leggi abstract dell’articolo:
Inhibition of the prostaglandin-degrading enzyme 15-PGDH potentiates tissue regeneration
Yongyou Zhang, Amar Desai, Sung Yeun Yang, Ki Beom Bae, Monika I. Antczak, Stephen P. Fink, Shruti Tiwari, Joseph E. Willis, Noelle S. Williams, Dawn M. Dawson, David Wald, Wei-Dong Chen, Zhenghe Wang, Lakshmi Kasturi, Gretchen A. Larusch, Lucy He, Fabio Cominelli, Luca Di Martino, Zora Djuric, Ginger L. Milne, Mark Chance, Juan Sanabria, Chris Dealwis, Debra Mikkola, Jacinth Naidoo, Shuguang Wei, Hsin-Hsiung Tai, Stanton L. Gerson, Joseph M. Ready, Bruce Posner, James K. V. Willson, and Sanford D. Markowitz
Science 12 June 2015: Vol. 348 no. 6240 DOI: 10.1126/science.aaa2340

Download Supplement

Fonte ed approfondimenti: Case Western Reserve  –   Ut Southwestern Medical Center

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: