Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 395 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

VirScan: una goccia di sangue per scoprire la nostra storia virale.

Posted by giorgiobertin su giugno 5, 2015

I ricercatori del Brigham and Women’s Hospital e dell’Harvard Medical School hanno realizzato un test (VirScan) capace di identificare in una volta sola le tracce di tutti virus con cui siamo venuti a contatto nel corso della vita. Le infezioni presenti e passate, e anche quelle da cui ci siamo protetti con la vaccinazione. Raffreddori, influenze, herpes, morbillo, rosolia ecc.


Geneticist Stephen Elledge describes what his team’s new technology is revealing about human immunology and disease. Video: Stephanie Dutchen

Per realizzarlo il prof. Stephen Elledge e colleghi hanno sintetizzato oltre 90.000 segmenti di Dna che sono serviti a produrre altrettanti pezzetti di proteine virali (peptidi). Una volta messi a contatto con la goccia di sangue, solo quelli che trovano degli anticorpi corrispondenti vengono legati, gli altri possono essere lavati via. Gli anticorpi vengono prodotti dal sistema immunitario in seguito all’infezione e possono rimanere nel sangue per decenni, perciò rappresentano le tracce lasciate dai virus a cui siamo stati esposti. Si tratta
I ricercatori hanno analizzato in questo modo la storia virale di 569 persone provenienti da quattro continenti (Stati Uniti, Tailandia, Perù e Sudafrica). “VirScan è un po ‘come guardare indietro nel tempo: con questo metodo, possiamo prendere una piccola goccia di sangue e determinare ciò che virus una persona è stata infettata con nel corso di molti anni“, ha detto il prof. Stephen Elledge.

Il nuovo test dovrebbe aiutare i ricercatori a capire meglio il funzionamento del sistema immunitario, in particolare come le sue interazioni con i virus contribuiscano a patologie complesse come diabete di tipo 1 e asma.

Leggi abstract dell’articolo:
Comprehensive serological profiling of human populations using a synthetic human virome
George J. Xu, Tomasz Kula, Qikai Xu, Mamie Z. Li, Suzanne D. Vernon, Thumbi Ndung’u, Kiat Ruxrungtham, Jorge Sanchez, Christian Brander, Raymond T. Chung, Kevin C. O’Connor, Bruce Walker, H. Benjamin Larman, and Stephen J. Elledge
Science 5 June 2015: 348 (6239), aaa0698 [DOI:10.1126/science.aaa0698]

Fonte ed approfondimenti: Harvard Medical School   –   Brigham and Women’s Hospital   –   Wired.co.uk

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: