Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 396 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

L’obesità aumenta il rischio di sviluppare il cancro.

Posted by giorgiobertin su maggio 11, 2015

Il cancro ha più probabilità di svilupparsi nelle persone che sono molto in sovrappeso (obeso), perché il grasso corporeo eccedente interferisce con i vari cicli ormonali, il glucosio e il metabolismo dei grassi.

adipositas

Diversi studi sono stati condotti per indagare i legami tra obesità (vedi nostro post del 2014), disturbi metabolici e cancro. Nuovi dati provenienti da uno studio internazionale, pubblicato su “Lancet Oncology“, mostrano che il 5,4% di tutti i tumori nelle donne e 1,9% dei casi di cancro negli uomini sono associati con un alto indice di massa corporea. Ciò è particolarmente vero per i tumori dell’esofago, intestino, reni, pancreas e – nelle donne – la cistifellea, ovaie, utero e cancro al seno dopo la menopausa. ”

Depositi di grasso nella zona addominale aumentano il rischio di cancro per diversi motivi: innanzitutto, il tessuto adiposo è ormonalmente attivo, produce ormoni dal tessuto adiposo e cambia l’equilibrio degli ormoni sessuali – per esempio convertendo androgeni in estrogeni. Questo incoraggia lo sviluppo e la crescita dei tumori ormono-correlati, come le varie forme di cancro al seno o di cancro dell’endometrio.
“Il grasso addominale, noto anche come grasso viscerale, ha un impatto negativo sulla salute, in quanto aumenta il rischio di cancro e incoraggia lo sviluppo di malattie metaboliche come il diabete, o malattie cardiovascolari” – afferma la prof.ssa Alexandra Kautzky-Willer del Comprehensive Cancer Center (CCC).

Scarica e leggi il full text dell’articolo:
Global burden of cancer attributable to high body-mass index in 2012: a population-based study.

Melina Arnold, Nirmala Pandeya, Graham Byrnes, Andrew G Renehan, Gretchen A Stevens, Majid Ezzati, Jacques Ferlay, J Jaime Miranda, Isabelle Romieu, Rajesh Dikshit, David Forman, Isabelle Soerjomataram;
Lancet Oncol 2015; 16: 36–46

Fonte ed approfondimenti: MedUni Wien

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: