Medicina in Biblioteca

Weblog della Biblioteca Medica "PINALI" Università degli Studi di Padova

  • Categorie

  • Archivi

  • Pagine

  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 438 follower

  • QR Code Blog

    Scarica e installa il software direttamente dal telefonino: sito i-nigma; fotografa il codice e avrai le news dal blog sempre con te.


  • Seguimi su Libero Mobile

  • sito internet

  • Sito d'argento

Archive for ottobre 2012

Staminali pluripotenti per ricreare la cartilagine.

Posted by giorgiobertin su ottobre 31, 2012

Ricreata in laboratorio la cartilagine grazie all’utilizzo di cellule staminali adulte riprogrammate: la nuova tecnica, messa a punto dai ricercatori della Duke University (Usa), promette di rivelarsi un utile strumento per trattare le degenerazioni articolari.

La cartilagine è stata creata usando cellule staminali pluripotenti indotte, che sono le cellule adulte, geneticamente modificate per avere le caratteristiche di cellule staminali embrionali. Le cellule staminali pluripotenti indotte (iPSCs) hanno il potenziale per diventare diversi tipi di cellule specializzate.

Credit: Image compiled from multiple fields, courtesy of Brian Diekman and Johannah Sanchez-Adams

“Quello che questa ricerca dimostra in un modello animale (topo) è la capacità di creare una quantità illimitata di cellule staminali che possono trasformarsi in qualsiasi tipo di tessuto – in questo caso la cartilagine, che non ha la capacità di rigenerarsi da sola,” afferma l’autore senior Farshid Guilak.

La tecnica di riprogrammazione delle cellule staminali adulte in staminali embrionali è la stessa ideata e poi perfezionata dal britannico John Gurdon e dal giapponese Shinya Yamanaka, che proprio quest’anno è valsa loro il Premio Nobel per la Medicina. Questa tecnologia che si basa sulle cellule staminali pluripotenti indotte potrebbe anche venire utilizzata per individuare farmaci per trattare l’osteoartrite, disturbo per il quale, al momento, non esiste cura o terapia efficace.

Leggi abstract:
Cartilage tissue engineering using differentiated and purified induced pluripotent stem cells
Brian O. Diekman,Nicolas Christoforou,Vincent P. Willard,Haosi Sun,Johannah Sanchez-Adams,Kam W. Leong, and Farshid Guilak
PNAS 2012 ; published ahead of print October 30, 2012

Materiale supplementare

Fonte ed approfondimenti: Dukehealth.org   –   ScienceDaily

Annunci

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Facebook per gli scienziati italiani.

Posted by giorgiobertin su ottobre 31, 2012

Il progetto, ideato da Barbara Bernardini e Massimo Pizzo, si chiama “Science in Italy” ed è una community attiva sul social network Facebook che ha come obiettivo principale quello di promuovere la ricerca italiana in ogni direzione. «Tutta la buona scienza pubblicata dai ricercatori italiani – precisano Bernardini e Pizzo –  che deve essere promossa e spinta verso tutti quelli che di scienza vorrebbero sapere di più».

Medicina, ingegneria, matematica, ma anche archeologia, economia, energia, robotica e tutto ciò che è sapere scientifico troverà posto su questo nuovo spazio sul web.

La community è attiva su Facebook alla pagina: www.facebook.com/scienceinitalybeta.

Posted in Tecnologia Web | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Un farmaco per il glaucoma fa ricrescere i capelli.

Posted by giorgiobertin su ottobre 30, 2012

Un farmaco usato in tutto il mondo per trattare il glaucoma, una malattia dell’occhio potrebbe anche essere adatto per trattare la perdita di capelli, secondo le ultime ricerche di scienziati dell’Università di Bradford Centre for Skin Sciences.

Lo studio ha dimostrato per la prima volta, su follicoli piliferi umani e di topo, che bimatoprost – il principio attivo del farmaco per il glaucoma, Lumigan – stimola la crescita dei follicoli piliferi del cuoio capelluto umano. Secondo gli scienziati il farmaco agisce direttamente sulle cellule del follicolo pilifero. Sono stati identificati i recettori specifici che si legano a bimatoprost assieme ad una molecola di segnalazione: la prostamide. Quando questi recettori sono stati bloccati, il farmaco non aveva più alcun effetto.

 credit: University of Bradford

“Sapevamo già che il bimatoprost era in grado di stimolare la crescita delle ciglia, essendo un effetto collaterale del farmaco, ora – ha dichiarato Randall, autrice dello studio – volevamo capire se l’effetto sarebbe stato lo stesso anche sul cuoio capelluto”.
Gli studi clinici sono già in corso negli Stati Uniti e in Germania per vedere se i risultati di laboratorio possono essere riprodotti per gli uomini e le donne con calvizie.

Lo studio è pubblicato dalla Federation of American Societies for Experimental Biology sulla rivista  “The FASEB Journal“.

Leggi abstract:
The prostamide-related glaucoma therapy, bimatoprost, offers a novel approach for treating scalp alopecias
Elaine S. Tang, Jenny W. Wang, Steven M. Picksley, and Valerie A. Randall
FASEB J fj.12-218156; published ahead of print October 26, 2012  –

Fonti ed approfondimenti: University of Bradford   –   Galileo Giornale di Scienza

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

AIOM: Libro bianco dell’oncologia italiana.

Posted by giorgiobertin su ottobre 30, 2012

Il Libro Bianco dell’AIOM: il network delle Reti Oncologiche Regionali, giunto alla sua quinta edizione, rappresenta un utilissimo tentativo di disegnare una mappa accurata e aggiornata dello stato dei servizi oncologici in Italia.  Il libro Bianco o ”Carta dei servizi dell’Oncologia Italiana” è stato realizzata dall’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) con il supporto di Novartis, ed è un vero e proprio annuario Regione per Regione dell’assistenza in 192 strutture oncologie italiane.

Il volume (disponibile su http://www.aiom.it) fornisce una mappa accurata e aggiornata dello stato dell’oncologia in Italia e definisce per AIOM una linea di costante e di intensa collaborazione con le Istituzioni, in particolare con il Ministero della Salute, gli Assessorati Regionali e l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA).

Il volume e’ stato presentato al XIV Congresso Nazionale della Societa’ Scientifica AIOM che si è svolto a Roma dal 27 al 29 ottobre.

Accedi al:  Libro Bianco V edizione – interattivo

Fonti: http://www.aiom2012.it/   –  Asca – Salute Oggi

Posted in E-journal E-Book, Materiali Didattici | Contrassegnato da tag: , | 3 Comments »

FDA: Nuovo farmaco contro la Leucemia Mieloide Acuta.

Posted by giorgiobertin su ottobre 29, 2012

L’FDA ha approvato Synribo (omacetaxine mepesuccinate), della Teva Pharmaceutical per il trattamento degli adulti con leucemia mieloide cronica (CML). Synribo blocca alcune proteine ​​che promuovono lo sviluppo delle cellule cancerose. Viene iniettato sotto la pelle (per via sottocutanea) due volte al giorno per 14 giorni consecutivi, per un ciclo di 28 giorni fino a che il numero dei globuli bianchi si normalizza (risposta ematologica).

 credit: WebMD

“L’approvazione da parte dell’FDA fornisce una nuova opzione terapeutica per i pazienti che sono resistenti o che non tollerano altri farmaci approvati per le fasi croniche o accelerate della CML,” ha detto Richard Pazdur, MD, direttore dell’Ufficio dei prodotti Ematologia e Oncologia nel Centro FDA. “Synribo è il secondo farmaco approvato per il trattamento CML negli ultimi due mesi.”

Synribo è la versione semisintetico di un estratto di erbe cinesi derivate da una conifera asiatica conosciuto come il pino Cowtail o in giapponese Plum Yew. Questo estratto, chiamato homoharringtonine o HHT, è considerato il più efficace trattamento per la CML.

Fonti ed approfondimenti:
Phase 2 study of subcutaneous omacetaxine mepesuccinate after TKI failure in patients with chronic-phase CML with T315I mutation
Jorge Cortes, Jeff H. Lipton, Delphine Rea
Blood 2012 120:2573-2580; published ahead of print August 15, 2012, doi:10.1182/blood-2012-03-415307

Omacetaxine mepesuccinate (INN, or homoharringtonine, trade name Synribo) from Wikipedia

FDA approves Synribo for chronic myelogenous leukemia

Comunicato stampa: Teva Pharmaceutical Industries

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

OMS: Atlante della Salute e del Clima.

Posted by giorgiobertin su ottobre 29, 2012

Il clima del mondo continua a cambiare e i rischi per la salute umana sono in aumento. L’Atlante della salute e del clima, pubblicato congiuntamente dall’ OMS e dall’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO), illustra alcune delle sfide più pressanti attuali ed emergenti.

Siccità, inondazioni e cicloni influiscono sulla salute di milioni di persone ogni anno. La variabilità del clima e le condizioni estreme come le inondazioni possono scatenare epidemie di malattie come la diarrea, la malaria, la dengue e la meningite, che causano la morte e sofferenza per molti milioni di più. L’Atlante fornisce esempi concreti di come l’uso del tempo e le informazioni climatiche in grado di proteggere la salute pubblica.

Scarica e leggi:
Atlas of health and climate –  Full version in English  pdf, 17.97Mb

Section 1: infections  pdf, 8.89Mb

Section 2: emergencies  pdf, 4.26Mb

Section 3: emerging environmental challenges   pdf, 4.78Mb

Fonte ed approfondimenti: WHO press release

Posted in E-journal E-Book, Materiali Didattici | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

SIGN: linee guida sulle infezioni delle vie urinarie.

Posted by giorgiobertin su ottobre 28, 2012

Sono state pubblicate a cura del Scottish Intercollegiate Guidelines Network(SIGN) le linee guida per la gestione delle infezioni batteriche del tratto urinario negli adulti. Il documento aggiorna le precedenti raccomandazioni emanate a luglio 2006 e consiglia molta prudenza nella prescrizione degli antibiotici.

Vengono discussi nel documento anche le infezioni da Clostridium difficile (CDI) e da Staphylococcus aureus (MRSA).

Scarica e leggi la linea guida in full text:

MANAGING BACTERIAL URIMARY-TRACT INFECTIONS IN ADULTS

Informazioni per i pazienti: Booklet for patients and carers

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | 4 Comments »

Scoperta la proteina causa del colesterolo alto.

Posted by giorgiobertin su ottobre 28, 2012

Gli scienziati canadesi hanno scoperto che una proteina chiamata Resistina, secreta dal tessuto adiposo, provoca alti livelli di colesterolo “cattivo” (lipoproteine ​​a bassa densità o LDL), aumentando il rischio di malattie cardiache.

La ricerca, presentata al Canadian Cardiovascular Congress, dimostra che la resistina aumenta la produzione di LDL nelle cellule epatiche umane e degrada anche i recettori LDL nel fegato. Come risultato, il fegato è meno in grado di eliminare il colesterolo “cattivo” dal corpo. La Resistina, di conseguenza accelera l’accumulo di LDL nelle arterie, aumentando il rischio di malattie cardiache.

La ricerca  dimostra anche che la Resistina impatta negativamente gli effetti delle statine, come afferma il Dr Shirya Rashid, del McMaster University in Canada: “L’implicazione più grande dei risultati dello studio è che elevati livelli ematici di resistina possono essere la causa della incapacità delle statine di abbassare il colesterolo LDL dei pazienti”.

La scoperta del ruolo della resistina nell’ aumento del colesterolo potrebbe portare a nuovi farmaci terapeutici che prendono di mira la proteina.

Canadian Cardiovascular Congress 2012– 27-31 october 2012   –  Abstract Congress 2012

Approfondimenti:
Discovery of a New Role of Human Resistin in Hepatocyte Low-Density Lipoprotein Receptor Suppression Mediated in Part by Proprotein Convertase Subtilisin/Kexin Type 9
Melone, Michelle, Wilsie, Larissa, Palyha, Oksana, Strack, Alison, Rashid, Shirya
J Am Coll Cardiol 2012 59: 1697-1705

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Terapia genica contro i tumori.

Posted by giorgiobertin su ottobre 27, 2012

Le cellule T opportunamente progettate possono distruggere le cellule tumorali che portano marcatori antigeni specifici. In due articoli pubblicati sulla rivista Human Gene Therapy vengono descritte queste terapie geniche antitumorali. In particolare come le cellule T possono essere progettate per attaccare le cellule staminali del glioma, cellule presenti nel glioblastoma, un tipo aggressivo e fatale di cancro al cervello.

Questa nuova terapia in combinazione con le terapie tradizionali dovrebbe portare alla morte delle cellule tumorali del glioma, migliorando l’efficacia del trattamento e la riduzione delle recidive del tumore.

“Questi studi rappresentano progressi importanti nello sviluppo di nuovi trattamenti per il cancro che combinano la potenza di trasferimento genico e il trapianto di cellule”, spiega James M. Wilson, direttore del programma di terapia genica, Dipartimento di Patologia e Medicina di Laboratorio, Università della Pennsylvania.

Leggi gli articoli in full text:
Recognition of Glioma Stem Cells by Genetically Modified T Cells Targeting EGFRvIII and Development of Adoptive Cell Therapy for Glioma
Richard A. Morgan, Laura A. Johnson, Jeremy L. Davis, Zhili Zheng, Kevin D. Woolard, Elizabeth A. + al.
Human Gene Therapy, 2012; 23 (10): 1043  doi:10.1089/hum.2012.041

Adoptive Transfer of Cytotoxic T Lymphocytes Targeting Two Different Antigens Limits Antigen Loss and Tumor Escape.
Karen M. Kaluza, Timothy Kottke, Rosa Maria Diaz, Diana Rommelfanger, Jill Thompson, Richard Vile.
Human Gene Therapy, 2012; 23 (10): 1054  doi:10.1089/hum.2012.030

Fonti: ScienceDaily  – Alpha Galileo Foundation

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

AUA: linee guida di urologia.

Posted by giorgiobertin su ottobre 26, 2012

L’American Urological Association (AUA) introduce nuove linee guida cliniche per il trattamento della vescica iperattiva, urodinamica, ematuria, e vasectomia. Le linee guida, che sono stati sviluppate con una rigorosa fase di sintesi e riassunto della letteratura per determinare il livello e la qualità delle prove, sono pubblicate in un supplemento al numero di dicembre del Journal of Urology.

Leggi i full text delle linee guida:
Diagnosis and Treatment of Overactive Bladder (Non-Neurogenic) in Adults: AUA/SUFU Guideline.
Christopher D. Tessier, Sandip Prasan Vasavada. + al.

Urodynamic Studies in Adults: AUA/SUFU Guideline.
Victor W. Nitti, Eric S. Rovner, Alan J. Wein. + al

Diagnosis, Evaluation and Followup of Asymptomatic Microhematuria in Adults: AUA Guideline.
T. M. T. Turk and W. Weitzel. + al.

Vasectomy: AUA Guideline
Joel L. Marmar, Lawrence S. Ross, Jay I. Sandlow, David C. Sokal. + al.

 

 

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

NICE: linea guida sulla psoriasi.

Posted by giorgiobertin su ottobre 25, 2012

NICE ha pubblicato una guida sulla valutazione e gestione della psoriasi. Questa linea guida è stato prodotto dal National Clinical Guideline Centre (NCGC).

La linea guida raccomanda medici e altri operatori sanitari di valutare l’impatto che la psoriasi ha sul benessere fisico, psicologico e sociale dei loro pazienti. Inoltre in tutti coloro che hanno la psoriasi dovrebbe essere valutata  l’artrite psoriasica ogni anno, in particolare durante i primi dieci anni. Circa una persona su sette che ha la psoriasi svilupperà l’artrite psoriasica, una malattia progressiva, che può causare dolore, rigidità e gonfiore dentro e intorno alle articolazioni.

Scarica e leggi la linea guida.
Psoriasis: full guideline “The assessment and management of psoriasis” – 24 October 2012  (6.99 Mb)
Psoriasis: appendices – 24 October 2012  (10,42 Mb)

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Linee guida sulla Leucemia Mieloide nei bambini.

Posted by giorgiobertin su ottobre 24, 2012

Sono state pubblicate sulla rivista “Blood“, a cura della American Society of Hematology le linee guida sulla diagnosi e gestione della Leucemia Mieloide Acuta (AML) nei bambini e adolescenti.

L’obiettivo primario del Gruppo di Studio Internazionale BFM AML è stato quello di definire standard per la gestione, la diagnosi, la valutazione della risposta nel trattamento durante l’infanziadi questa malattiache nonostante i miglioramenti importanti risultati nel corso degli ultimi decenni, rimane una minaccia per la vita nei bambini, con tassi di sopravvivenza attuali di circa il 70%.

Leggi il full text dell’articolo:
Diagnosis and management of acute myeloid leukemia in children and adolescents: recommendations from an international expert panel
Gertjan J. L. Kaspers, and Dirk Reinhardt, on behalf of the AML Committee of the International BFM Study Group
Blood October 18, 2012 vol. 120 no. 16 3187-3205

Fonte: American Society of Hematology

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Un gel al DNA per creare muscoli artificiali.

Posted by giorgiobertin su ottobre 24, 2012

I ricercatori della University of California, Santa Barbara, hanno creato un gel a base di DNA che risponde meccanicamente agli stimoli più o meno allo stesso modo delle cellule umane.
Con solo 10 micron, il gel al DNA ha le dimensioni di una cellula eucariotica umana, e mostra fluttuazioni e attività simili compresa la meccanica della cellula. Il gel contiene nanotubi di DNA, lunghi filamenti di DNA collegati tra di loro, flessibili come un substrato molecolare. Utilizzando una proteina batterica che fa da motore chiamata FtsK50C, il gel reagisce come il citoscheletro contraendosi e irrigidendosi.

A typical DNA gel used for the active mechanics study. In this fluorescent micrograph, the stiff DNA nanotubes are visible as glowing green and red fibers. Credit: UCSB.

A differenza di altri gel intelligenti a base di polimeri sintetici, il gel DNA è alimentato da adenosina trifosfato (ATP). “Il gel ha attive le capacità meccaniche, in quanto genera le forze in modo indipendente, portando a cambiamenti di elasticità o di forma, quando è alimentatato da molecole di ATP per l’energia, è molto simile a una cellula vivente,” afferma il Dott. Saleh.

Leggi abstract:
Active, motor-driven mechanics in a DNA gel
Olivier J. N. Bertrand,Deborah Kuchnir Fygenson, and Omar A. Saleh
PNAS 2012 109 (43) 17342-17347 October 23, 2012

Fonte ed approfondimenti: UC Santa Barbara, College of Engineering

Posted in News-ricerca, Tecno Sanità | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Un ormone aumenta il rischio di diabete, malattie cardiovascolari e cancro al seno.

Posted by giorgiobertin su ottobre 23, 2012

Uno studio pubblicato sulla rivista Journal of the American Medical Association (JAMA) ha trovato che un ormone la pro-neurotesina, un precursore dell’ormone neurotesina, peptide aminoacido principalmente espresso nel sistema nervoso centrale e del tratto gastrointestinale è associato ad un elevato rischio di malattie cardiovascolari (CVD), diabete, cancro al seno e di mortalità.

I ricercatori svedesi della Lund University in Svezia coordinati dal dott. Olle Melander hanno misurato i valori di pro-neurotesina nel sangue di 4632 partecipanti a digiuno. Lo studio ha esaminato i casi di cancro al seno dal  1991-1994 e per quanto riguarda il diabete e le malattie cardiovscolari ha avuto un follow-up fino al 2009 (13,2-15,7 anni).

Secondo la valutazione effettuata dal team di ricercatori elevati livelli di pro-neurotesina potrebbero essere correlati al rischio di diabete, malattie cardiovascolari e cancro al seno nella popolazione di sesso femminile. Essi hanno ipotizzato che l’innalzamento dei livelli dell’ormone diversi anni prima dell’insorgenza della malattia indica che la pro-neurotesina potrebbe essere un marker per la predisposizione alla malattia.

Leggi abstract:
Plasma Proneurotensin and Incidence of Diabetes, Cardiovascular Disease, Breast Cancer, and Mortality.
Melander O, Maisel AS, Almgren P, et al.
JAMA. 2012;308(14):1469-1475.

Fonte ed approfondimenti: Lund University –  ScienceDaily.com   –   O.Ma.R malattie rare

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Create in laboratorio strutture renali funzionanti.

Posted by giorgiobertin su ottobre 22, 2012

Per la prima volta al mondo, i ricercatori del Mario Negri di Bergamo usando singole cellule embrionali di topo sono stati in grado di creare in laboratorio nefroni che impiantati sotto la capsula renale dimostrano di saper svolgere certe funzioni fisiologiche deputate alla filtrazione inclusa la capacità di produrre ormoni come l’eritropoietina.

Fino ad oggi – spiega Christodoulos Xinaris che ha coordinato la ricerca – partendo da sospensioni di singole cellule embrionali si erano prodotti solo tessuti che non erano in grado di maturare ulteriormente verso un tessuto funzionante, perchè senza il supporto dei vasi sanguigni non si riescono a formare le complesse le strutture fondamentali del rene – i nefroni – dove si svolgono i processi di filtrazione, riassorbimento e secrezione che caratterizzano questo organo“.
L’importanza della scoperta è testimoniata dal fatto che il Journal of the American Society of Nephrology ha dedicato un editoriale.

Leggi abstract:
In vivo maturation of functional renal organoids formed from embryonic cell suspensions
Christodoulos Xinaris, Valentina Benedetti, Paola Rizzo, Mauro Abbate, Daniela Corna, Nadia Azzollini, Sara Conti, Mathieu Unbekandt, Jamie A. Davies, Marina Morigi,Ariela Benigni, and Giuseppe Remuzzi
Journal of American Society of Neprhrology, october 18,2012 (online)

Editorial: Growing New Kidneys from Embryonic Cell Suspensions: Fantasy or Reality?
Vivette D. D’Agati

Comunicato stampa:ISTITUTO DI RICERCHE FARMACOLOGICHE MARIO
NEGRI

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Accesso a BioMed Central da dispositivi mobili.

Posted by giorgiobertin su ottobre 21, 2012

BioMed Central (piattaforma di 220 riviste di libero accesso), ora supporta l’accesso da dispositivi mobili, come smartphone e tablet.

Per migliorare la lettura su dispositivo mobile, i dati vengono visualizzati in linea piuttosto che come pop-up.
Come su tutti i sistemi operativi mobili, facendo clic su una figura verrà caricata la versione ad alta risoluzione.

Un modo conveniente per visualizzare gli articoli offline è quello di salvare il PDF in un lettore come iBooks, o in una applicazione di file sharing come DropBox, o in una applicazione di gestione bibliografica come Mendeley.

Fonte: Blog BioMedCentral

Approfondimenti: FAQ BioMed Central

Posted in Tecnologia Web | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Atlante della sostanza bianca del cervello.

Posted by giorgiobertin su ottobre 20, 2012

Un team europeo di ricercatori ha costruito il primo atlante della sostanza bianca, microstruttura nel cervello umano. I risultati finali del progetto hanno il potenziale per cambiare il volto delle neuroscienze e della medicina nel prossimo decennio. Il progetto denominato CONNECT, ha visto la partecipazione di importanti centri di ricerca internazionale tra cui Israele, Regno Unito, Germania, Francia, Danimarca, Svizzera e Italia.

 Credit: [Image courtesy of MGH-UCLA Human Connectome Project

L’ atlante combina le immagini tridimensionali da scansioni MRI di 100 cervelli di volontari. Nel nuovo atlante viene simulato il processo di visione esaminando il tessuto cerebrale ogni 2 mm con un microscopio, lasciando il cervello intatto.

La novità fondamentale è la mappatura delle caratteristiche microscopiche (come la dimensione media delle cellule e la densità apparente) all’interno della sostanza bianca, che contiene le fibre nervose che trasmettono informazioni in tutto il cervello vivente.

In futuro, i membri del progetto intende utilizzare questa tecnologia per caratterizzare e comprendere le variazioni  micro-strutturali causate da diverse malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer o la schizofrenia, e per sviluppare procedure diagnostiche per queste e altre condizioni devastanti.

Accedi al Progetto: CONNECT   –  Sommario del progetto   –   software 

Links to atlas digital files will be uploaded in November 2012 to http://www.brain-connect.eu

Posted in Materiali Didattici, Tecno Sanità | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un farmaco contro il cancro al pancreas.

Posted by giorgiobertin su ottobre 19, 2012

Un nuovo farmaco denominato “Minnelide” creato presso l’Università del Minnesota può essere la risposta per sconfiggere il cancro al pancreas, secondo i risultati pubblicati oggi sulla prestigiosa rivista Science Translational Medicine. Il prodotto agisce inibendo una proteina HSP70, che è stato dimostrato aiutare la crescita delle cellule tumorali.

 Triptolide

Nel 2007, Saluja e i suoi collaboratori scoprirono che nelle cellule del cancro al pancreas c’era troppa proteina HSP 70, che protegge le cellule dalla morte. A causa di questo eccesso di proteina, le  cellule tumorali del pancreas sono difficili da colpire con i farmaci, si è cercato allora di  determinare le modalità per inibire HSP 70 in queste cellule tumorali.

Saluja ha anche scoperto che triptolide, un composto derivato da dalle piante in Cina, aveva la capacità di fermare lo sviluppo di HSP 70, il problema del composto è che non è solubile in acqua, e quindi ne risulta difficile la somministrazione. Il laboratorio di Saluja  ha lavorato per rendere il triptolide solubile in acqua. E’ nato così un farmaco derivato, brevettato chiamato Minnelide che sperimentato nei topi ha la capacità di ridurre la crescita tumorale. Nei primi mesi del 2013 partiranno gli studi clinici sull’uomo.

Leggi abstract:
A Preclinical Evaluation of Minnelide as a Therapeutic Agent Against Pancreatic Cancer
R. Chugh, V. Sangwan, S. P. Patil, V. Dudeja, R. K. Dawra, S. Banerjee, R. J. Schumacher, B. R. Blazar, G. I. Georg, S. M. Vickers, A. K. Saluja
Sci. Transl. Med. 4, 156ra139 (2012).

Fonte: Comunicato stampa University of Minnesota   –   ScienceAlert.com

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

OMS: report 2012 sulla tubercolosi.

Posted by giorgiobertin su ottobre 18, 2012

Questo rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) fornisce le ultime informazioni analitiche sull’epidemia di tubercolosi (TB), sul  progresso nella cura nel controllo a livello globale, regionale e nazionale. Le informazioni si basano principalmente su dati trasmessi dagli Stati membri dell’OMS nei giri annuali di raccolta dei dati globali TB. Gli argomenti trattati nella relazione sono i seguenti:

  • L’onere della malattia causata da TB,
  • casi di TB, notifiche ed esiti del trattamento,
  • TBC resistente ai farmaci,
  • TB finanziamento e controllo della cura,
  • Diagnostica di laboratorio,
  • Rispondere alle co-epidemie di tubercolosi e HIV

 image credit: BBC Health News

Scarica e leggi il rapporto in formato pdf:
GLOBAL TUBERCULOSIS REPORT 2012

Fonte: BBC Health news

Posted in Materiali Didattici, News-ricerca | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Potenziale nuova terapia farmacologica per la malattia di Crohn.

Posted by giorgiobertin su ottobre 18, 2012

Ustekinumab un anticorpo efficace nel trattamento della psoriasi (malattia della pelle), ha mostrato risultati positivi nel ridurre gli effetti debilitanti della malattia di Crohn.

I risultati del trial clinico hanno mostrato che ustekinumab (Stelara) ha aumentato la risposta clinica e la remissione nei pazienti affetti da malattia da moderata a grave di Crohn – una forma di malattia infiammatoria intestinale (IBD) che può portare ad una varietà di sintomi dolorosi, compresa la diarrea, sanguinamento intestinale e perdita di peso.

I pazienti che hanno fatto parte  dello  studio randomizzato sono stati 526, ed è stato condotto in 12 paesi. I pazienti eleggibili avevano almeno 18 anni di età e aveva una diagnosi confermata di malattia di Crohn per almeno tre mesi. I risultati  presentati dai ricercatori della University of California di San Diego, School of Medicine e pubblicati sul New England Journal of Medicine sono molto positivi ed hanno ridotto gli effetti debilitanti della malattia.

“Uustekinumab blocca due proteine ​​che causano l’infiammazione, l’interleuchina 12 e 23. Questa scoperta è un primo passo significativo verso una nuova opzione terapeutica per questi pazienti.” afferma il dott. Sandborn uno degli autori dello studio (video).

Leggi abstract:
Ustekinumab Induction and Maintenance Therapy in Refractory Crohn’s Disease
William J. Sandborn et al.
N Engl J Med 2012; 367:1519-1528 October 18, 2012

ClinicalTrials.gov number, NCT00771667.

Fonte: University of California San Diego

Posted in News-ricerca, Video | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Check up di routine: non sempre sono utili.

Posted by giorgiobertin su ottobre 18, 2012

I controlli di salute generali non evitano di incorrere in malattie gravi come il tumore o le malattie cardiache, né riducono la mortalità. Questo secondo una revisione sistematica degli studi disponibili pubblicata dai ricercatori della Cochrane collaboration.

I ricercatori hanno basato le loro conclusioni su 14 sperimentazioni cliniche che hanno coinvolto oltre 182.000 partecipanti. Tutti gli studi hanno diviso i partecipanti in almeno due gruppi: uno di partecipanti invitati a eseguire controlli di salute generali e l’altro in cui non effettuavano alcun controllo.

Dalle evidenze emerse da questa revisione” sostengono gli autori “è improbabile che invitando le persone a sottoporsi a controlli di salute generali si ottenga un beneficio nella salute dei cittadini. Questo non significa che i medici debbano smettere di eseguire i test di controllo oppure evitare di offrire un trattamento quando sospettano che ci sia un problema medico. Tuttavia, non riteniamo di raccomandare iniziative di sanità pubblica che sistematicamente offrono controlli di salute generali“.

I risultati di questa revisione sono coerenti con una precedente recensione sistematica di Boulware et al. pubblicata su Annals of Internal Medicine nel 2007 (full text in pdf), che aveva valutato i benefici e i rischi per controlli sanitari generali.

Leggi il full text della revisione:
General health checks in adults for reducing morbidity and mortality from disease
Lasse T Krogsbøll, Karsten Juhl Jørgensen, Christian Grønhøj Larsen, Peter C Gøtzsche
Cochrane Database of Systematic Reviews –  Published Online: 17 OCT 2012

Fonte: Doctor 33

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Confermato il collegamento psoriasi e diabete.

Posted by giorgiobertin su ottobre 17, 2012

Ne avevamo dato notizia in un nostro precedente post dal titolo “La psoriasi aumenta il rischio di diabete” – 13 luglio 2012, del collegamento fra la psoriasi e il diabete, ora a confermarlo una revisione sistematica condotta su 27 studi pubblicati da gennaio 1980 a gennaio 2012 e recensiti dai database: MEDLINE, EMBASE, and Cochrane Database of  Systematic Reviews.
In totale sono stati analizzati 314.000 pazienti con psoriasi comparati con 3.7 milioni di individui sani.

“La dimensione del campione ampio e la consistente associazione tra psoriasi e diabete rendono questi risultati dello studio molto forti e suggeriscono un collegamento fisiologico sottostante tra le due malattie”, ha detto Armstrong uno degli autori. “Ci sono prove che le cellule di grasso in pazienti affetti da psoriasi potrebbero non funzionare correttamente”. “Queste cellule secernono sostanze note come citochine infiammatorie che aumentano la resistenza all’insulina nel fegato e nei muscoli e avviano la distruzione delle cellule che producono insulina nel pancreas.” “I pazienti con psoriasi ed i loro medici devono essere consapevoli di questo rischio e i pazienti devono essere sottoposti a screening regolare per beneficiare di un trattamento precoce.” Conclude Amstrong.

Leggi abstract:
Psoriasis and the Risk of Diabetes Mellitus: A Systematic Review and Meta-analysis
April W. Armstrong, MD, MPH; Caitlin T. Harskamp, BA; Ehrin J. Armstrong

Arch Dermatol. 2012;():1-8  Published online October 2012

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Iss: notiziari di luglio e settembre 2012.

Posted by giorgiobertin su ottobre 17, 2012

Sono stati pubblicati a cura dell’ Istituto Superiore di Sanità i notiziari di Luglio-Agosto e Settembre.

I contenuti sono i seguenti.
Luglio/Agosto:

  • Un peptide del grano previene la tossicità della gliadina nella malattia celiaca
  • Un’autorizzazione del garante semplifica le procedure per la protezione dei dati personali della ricerca sanitaria
  • Nuove frontiere del supporto circolatorio pediatrico: chirurgia innovativa, ponte al trapianto e riabilitazione
  • Gli infortuni delle casalinghe: un fenomeno sommerso
  • La ricerca scientifica attraverso l’uso del web: l’esperienza del Registro Nazionale gemelli.

Settembre:

  • Interferenti endocrini.
  • Quali rischi dall’acqua destinata al consumo umano
  • Bioeconomia, una nuova idea di scienza: l’ISS è pronto a raccogliere la sfida
  • La rete degli Helpdesk nazionali del Regolamento CLP  (Classification, Labelling and Packaging) in Europa
  • Oncologia comparata: uomini e animali alleati nella ricerca contro il cancro

Leggi il full text delle pubblicazioni:
Notiziario – Volume 25, n. 7/8 Luglio-Agosto 2012
Notiziario – Volume 25, n. 9 Settembre 2012

Posted in E-journal E-Book, Materiali Didattici | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Linee guida sullo screening per il diabete di tipo 2.

Posted by giorgiobertin su ottobre 17, 2012

Sono state pubblicate dal Canadian Medical Association le linee guida sullo screening per il diabete di tipo 2 negli adulti. Le linee guida suggeriscono utilizzando un calcolatore di rischio e quindi di screening sulla base del rischio di diabete prevista.

“Queste nuove linee guida portano precisione e convenienza attraverso l’utilizzo di calcolatori di rischio e A1C non a digiuno per screening del diabete”, afferma il Dr. Kevin Pottie uno dei coautori. “Sfruttando questi strumenti sarà possibile migliorare gli esiti di salute dando facoltà ai pazienti di assumere un ruolo attivo nella gestione e nella modifica dei fattori di rischio, proprio attraverso interventi come la dieta e l’esercizio fisico.”

Leggi il full text della linea guida:
Recommendations on screening for type 2 diabetes in adults
Canadian Task Force on Preventive Health Care
CMAJ October 16, 2012 184:1687-1696

Fonte: Canadian Medical Association

Posted in News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Diagnosi e trattamento della cefalea.

Posted by giorgiobertin su ottobre 16, 2012

La cefalea è una condizione frequente e difficile da trattare per molti medici, sia a livello di cure primarie che di assistenza specialistica. Una volta escluse le cause gravi di cefalea (es. infezione, tumore, emorragia, arterite), il maggior impatto sanitario e sociale riguarda le cefalee primarie (cefalea a grappolo, emicrania, cefalea di tipo tensivo) e le cefalee da abuso di farmaci.

Considerato che tutti i professionisti sanitari necessitano di chiare raccomandazioni per la diagnosi e il trattamento delle cefalee, l’articolo riportato dalla rivista “Evidence”  (è una pubblicazione open access indipendente, realizzata dalla Fondazione GIMBE) sintetizza in lingua italiana la linea guida pubblicata dal National Institute for Health and Clinical Excellence (NICE) lo scorso 19 settembre.

Leggi il full text dell’articolo:
Diagnosi e trattamento della cefalea nei giovani e negli adulti
Antonino Cartabellotta
Evidence 2012;4(5): e1000018   (28 settembre 2012)

NICE: Headaches: full guideline

Posted in Materiali Didattici, News-ricerca | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »